lunedì 14 maggio 2018

La casa di carta - Stagione 1 (Netflix, Spagna, 2017)





Quando ero piccolo e mio padre mi portava a dormire, la sera, c'erano due possibilità che si prospettavano come "favola della buonanotte": la prima era la versione ridotta - per ovvie questioni di tempo - dell'Odissea, che culminava - anche se non ci arrivavo praticamente mai - con la storia dello scontro tra Ulisse e Polifemo, la seconda un ninna nanna particolare, probabilmente legata al passato di mio nonno, Bella ciao.
Se escludo le sigle dei cartoni animati o i classici di natale imparate all'asilo e a scuola, credo sia stata la prima canzone che imparai a memoria: ai tempi mi colpiva tantissimo l'idea di questo "partigiano" - che non sapevo cosa fosse esattamente - che decideva di combattere il nemico ben sapendo che poteva morire, ma che in caso l'avrebbe fatto per la libertà e per chi sarebbe venuto dopo di lui.
Un'altra cosa che ha finito sempre per affascinarmi è il confine sottile che esiste tra Ordine e Resistenza, intesi come concetti filosofici più che burocratici o legali, un pò come quello che differenzia chi vive per lavorare e chi lavora per vivere, o chi preferisce il denaro o la libertà.
Del resto i confini, le barricate, le leggi sono tutte linee immaginarie create e poste da noi uomini, che in Natura non avrebbero senso senza la nostra geografia sociale: non a caso, spesso e volentieri, sono i fuorilegge ad affascinarmi, o quegli stronzi che, per dirla come Johnny Cash, paiono vivere per il concetto di "walk the line".
Ho ritrovato entrambe in una serie giunta al Saloon grazie al tam tam della rete, non perfetta ma avvincente e tesa come una corda di violino, piena di sorprese ed apparentemente uscita dalla parte bella degli anni novanta, quelli di Tarantino e de I soliti sospetti, e le ho ritrovate in particolare in due sequenze che hanno rievocato proprio quei concetti: la prima è il ballo che i rapinatori e sequestratori addestrati e guidati dal misterioso Professore - personaggio fantastico interpretato benissimo da Alvaro Morte - improvvisano al primo, vero segnale di possibile riuscita della loro impresa, liberatorio e travolgente, sulle note di Bella ciao; la seconda, sulle stesse note cantate dal Professore e dal suo braccio destro Berlino la notte prima dell'assalto alla Zecca di stato, alternata con un ottimo montaggio al possibile fallimento.
In quei momenti, che si tratti del bambino in me che ascoltava ed imparava quel canto o ammirava quel vecchio bastardo di Ulisse, non ho potuto pensare altro che se fossi stato il personaggio di un film, o di una serie, sarei senza dubbio stato uno di loro.
Perchè Bene e Male sono concetti relativi, anch'essi condizionati dalle convenzioni e dal sistema, e nel corso di questa cavalcata mi sono ritrovato a sorridere amaramente al pensiero che charachters come "Arturito", direttore della Zecca, possano considerarsi "i buoni", quando semplicemente si tratta di vigliacchi senza morale con il solo vantaggio di avere troppa paura per superare certi confini, e in situazioni estreme l'umanità o la crudeltà che portiamo dentro definiscono senza dubbio più di quanto non possa fare qualcosa inventato ad uso e consumo della Società.
Non voglio che tutto questo sia una sorta di idealistico quanto irrealistico sfogo contro la società da pseudo ribelle istituzionalizzato, ma l'elogio di un'opera che porta in scena un'umanità dirompente, passionale, caliente - per usare un termine spagnolo -, che anche nelle piccole cose - i messaggi vocali lasciati da Anjel a Raquel in segreteria, che passano dall'amore alla rabbia - rende benissimo tutta la gamma di sentimenti che possiamo provare, vivere, e che abbiamo il dovere, da qualunque parte ci si trovi del confine invisibile, di difendere.
Perchè quello che viviamo, a prescindere dalla carta in torno, è carne e sangue, e gioia, e voglia di riscatto o di rivalsa o di rivolta, è cattiveria, è generosità, spensieratezza, vigliaccheria, coraggio, follia, qualsiasi cosa possa mettervi i brividi possiate immaginare.
E La casa di carta mette i brividi.
Un pò come quando, da piccolo, ascoltavo Bella ciao prima di dormire e sognavo di essere partigiano.



MrFord




 

12 commenti:

  1. Post personale e bellissimo, per una serie che ormai devo recuperare solo io. E mi tocca, sì. :)

    RispondiElimina
  2. Niente, evidentemente sono il solo a cui questa serie sembra una soap opera scritta pure in maniera un po’ sommaria, due sere fa ho terminato (con non poca noia) la prima stagione, spero di essere folgorato dalla stagione numero due, perché per ora, mi piace davvero solo “Bella ciao”, per l’uso che ne fanno nella serie, ma più che altro perché è “Bella ciao” ;-) Cheers

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi dispiace che non ti sia piaciuta, io l'ho trovata, per quanto imperfetta, davvero caliente e passionale come piace a me.

      Elimina
  3. C'ho provato davvero a voler bene a questa serie, entusiasmo e passione all'inizio c'erano, ma poi sotto il peso di scivoloni e buchi enormi di sceneggiatura, tutto è stato affossato.
    Bellissimo, invece, lo è il tuo pezzo, e il tuo papà!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Posso capire, ma le imperfezioni a volte rendono più intensi anche i legami. ;)

      Detto questo, grazie! :)

      Elimina
  4. Ho apprezzato la tua recensione molto " intimista " e credo che molti abbiano apprezzato questa serie perché è molto di " pancia ".
    A me è piaciuta, ma ci vuole una sospensione dell'incredulità notevole per apprezzarla appieno.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che sia assolutamente poco credibile è certo, eppure la sua "veracità" mi ha conquistato.

      Elimina
  5. Siamo alla quinta puntata,al momento mi piace molto la varia umanità messa in scena,la trovo appassionante,ma la sceneggiatura è piena di buchi e li vedo già da qui...oltre che spira un aria da fiction italiana,a momenti...e non è un complimento.
    Staremo a vedere se ci trasporterà tanto da farcici passare sopra.
    E spero tanto,guardandola in spagnolo,di non trovarmi in mezzo Bella Ciao,perchè sennò il Khal mi abbandona davanti alla TV e la Casa de Papel finisce nel gorgo delle trecento serie che devo guardare da sola non so quando XD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahaha mi dispiace per voi, ma Bella ciao sarà in italiano perchè legata ai ricordi di uno dei personaggi.
      Per il resto, i buchi ci sono, ma l'umanità è rappresentata davvero alla grande.

      Elimina
    2. Nuoooooo XD XD XD
      Io con l'orticaria ma sopporto,lui è meno...tollerante.
      Però siamo alla 8 o 9,e siamo davvero appassionati a questo punto,i personaggi sono belli e ben caratterizzati,la recitazione buona e anche a livello di fotografia/movimenti di camera/inquadrature c'è un buon lavoro dietro.Conto di riuscire a finirla in tempi brevi...ed in compagnia!

      Elimina
  6. Che bel post. Credo sia la prima volta che lo dico per un tuo pezzo ahahah ;)

    Hai colto in pieno il valore di una serie fieramente anti-sistema e dalla parte della Resistenza. Una serie anche fuori moda, nel suo recuperare un certo stile anni '90, anziché gli 80s come fanno tutti gli altri. A me ha ricordato pure 24 con i suoi colpi di scena magari un po' inverosimili, ma che fanno mantenere l'attenzione sempre alta.
    Una vera bomba, e (bella) ciao a tutte le serie americane!

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...