lunedì 3 febbraio 2014

Dallas buyers club

Regia: Jean Marc Valleè
Origine: USA
Anno: 2013
Durata: 117'




La trama (con parole mie): Ron Woodroof, elettricista e giocatore d'azzardo dedito ad alcool, eccessi e donne, si ritrova, nel pieno degli anni ottanta, positivo all'HIV. Superato il trauma della presa di coscienza della propria condizione ed abbandonati gli amici di un tempo, l'uomo si dedica ad una personale ricerca di potenziali cure per la malattia, ingaggiando una vera e propria crociata a favore dei malati contro le multinazionali farmaceutiche intente a promuovere l'AZT.
I suoi trenta giorni di vita previsti alla prima visita divengono così anni di battaglie legali e non contro lo status quo che poneva i malati di AIDS ai margini della società, nonchè vere e proprie cavie per i colossi dell'industria farmaceutica.






La fama di alcune pellicole gioca molte delle sue carte sul passaparola: Dallas buyers club, salito alla ribalta della cronaca grazie ai Globes vinti da Matthew McConaughey e Jared Leto - entrambi meritatissimi -, divenuto il caso cinematografico made in USA di questo inizio anno, deve molta della sua fortuna proprio a questo fenomeno.
Mossi dalle incredibili performances attoriali dei protagonisti, pubblico e critica hanno finito per spingere il lavoro di Jean Marc Valleè oltre ogni più rosea aspettativa, portando Dallas buyers club a diventare, di fatto, un blockbuster d'autore pronto a battersi con i più grandi favoriti nella notte degli Oscar: visione alle spalle, posso dire che senza ombra di dubbio siamo di fronte ad un gran bel prodotto, confezionato alla perfezione e costruito per colpire ed emozionare pur sfruttando un main charachter certamente non empatico o "positivo" come il Ron Woodroof di McConaughey, seppur lontano dal Capolavoro che vorrebbe essere venduto.
Onestamente, penso ci si trovi più dalle parti dei solidi Milk o Erin Brockovich - titoli che riguardo sempre volentieri, impegnati e non banali - che non da quelle degli imprescindibili, nonostante la pellicola avvinca e renda il pubblico più giovane edotto rispetto ad una delle grandi battaglie degli emarginati nel corso degli anni ottanta e quello più stagionato sensibile ad un periodo decisamente particolare della Storia recente: tratto da una vicenda realmente accaduta - la battaglia legale e non del già citato Ron Woodroof, elettricista devoto all'alcool, agli eccessi, al gioco ed al sesso lontano dal mondo omosessuale che ai tempi si credeva unico a dover fare i conti con l'HIV - e profondamente legato alle lotte che resero possibile una maggiore attenzione da parte dell'opinione pubblica a proposito dello sfruttamento dei malati da parte delle multinazionali farmaceutiche, Dallas buyers club rappresenta il tipico e coinvolgente film di grande impegno sociale, con alcuni spunti splendidi - la scena finale, il rapporto sessuale tra Woodroof e la ragazza malata, liberatorio come solo il sesso libero e non protetto può essere, sicuri di non infettare altri - ed alcuni passaggi appena sotto il livello di pericolo di retorica.
Una pellicola solida e di cuore ma comunque ben distante dalle vere e proprie pietre miliari, che mi sono goduto una volta presa coscienza dei suoi limiti principalmente grazie allo stimolo regalato dal protagonista, un redneck fatto e finito che, di fronte alla prospettiva della morte, finisce per attaccarsi alla vita con una determinazione incrollabile che io stesso ben comprendo, considerato che è mia ferma intenzione quella di attaccarmi a questo mondo con le unghie e con i denti almeno fino ai centotre anni.
E dico almeno.
L'esempio dato da personaggi in grado di affrontare l'avvicinarsi dell'ultimo viaggio con la stessa contagiosa voglia di sperimentare e lottare di chi, al contario, ha la possibilità di godersi ogni giorno senza avere l'impressione di stare affrontando un conto alla rovescia è senza dubbio stimolante, anche quando si tratta di dover convivere con qualcosa che, presto o tardi, finirà per vincere la guerra anche a fronte di qualche sconfitta di poco conto.
In un certo senso, è la stessa cosa anche per noi, con la differenza che, di norma, non prestiamo troppa attenzione alla sabbia che scivola nella clessidra togliendo ogni giorno qualcosa dal tavolo della nostra mensa.
A scanso di equivoci, io ho intenzione di mangiare e gustarmi quanto più possibile ogni momento. Come in un rodeo che potrebbe finire da un istante all'altro.



MrFord



"Are you my main man
are you now are you now
are you my Main Man
are you now are you now
are you now."
T-Rex - "Main man" - 



28 commenti:

  1. Lo vedrò a breve. Chissà perché sento che mi piacerà parecchio...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' un prodotto solido e onesto, impreziosito da due interpretazioni pazzesche. Ti piacerà di sicuro.

      Elimina
  2. ...traigo
    ecos
    de
    la
    tarde
    callada
    en
    la
    mano
    y
    una
    vela
    de
    mi
    corazón
    para
    invitarte
    y
    darte
    este
    alma
    que
    viene
    para
    compartir
    contigo
    tu
    bello
    blog
    con
    un
    ramillete
    de
    oro
    y
    claveles
    dentro...


    desde mis
    HORAS ROTAS
    Y AULA DE PAZ


    COMPARTIENDO ILUSION


    CON saludos de la luna al
    reflejarse en el mar de la
    poesía...




    ESPERO SEAN DE VUESTRO AGRADO EL POST POETIZADO DE 12 AÑOS DE ESCLAVITUD, MASTER AND COMMANDER, LEYENDAS DE PASIÓN, BAILANDO CON LOBOS, ...

    José
    Ramón...


    RispondiElimina
    Risposte
    1. Con il portoghese non me la cavo così bene, ma i film citati non sono affatto male!

      Elimina
    2. ford, tu eres tonto! ;D

      a quanto ne so, questo è spagnolo, non portoghese.

      Elimina
    3. Potrebbe anche essere. Ma sai, alle sei del mattino tutto tende a confondersi! ;)

      Elimina
  3. lo vedrà a breve e l'occhio fatalmente cadrà su McConaughey e sul confronto con Di Caprio che mi pare siano i duellanti all'Oscar...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. McConaughey ha tirato fuori l'interpretazione della vita, e facilmente vincerà lui, anche perchè Di Caprio si sa, l'Academy non lo digerisce.

      Elimina
  4. Tutto vero, non è il capolavoro totale che pensavo/speravo ma è un ottimo film quasi mai banale e senza troppa morale spiccia di mezzo. Mcconaughey è strepitoso, non ho ancora visto Wolf ma l'oscar lo deve vincere lui.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. McConaughey ha spaccato, e sai quanto sia diventato un mio protetto, ma io tiferò spudoratamente per il lupo Di Caprio.

      Elimina
  5. Questo film aspetto di vederlo con ansia! Sono curiosa di vedere l'interpretazione di Mcconaughey che mentalmente associo sempre a film dove fa il belloccio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Resterai stupita, il buon Matt ha davvero tirato fuori il suo meglio, nonostante la metamorfosi fisica in peggio! ;)

      Elimina
  6. Non è un capolavoro. Un buonissimo film con due interpretazioni davvero ottime. Matt bravissimo vincerà l'Oscar, anche se Di Caprio lo meriterebbe di più. Leto superbo...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Concordo in pieno. Un buon film impreziosito da due grandi interpretazioni. Nonostante io finirò per tifare il buon Leo.

      Elimina
  7. Ma io mi incazzo se penso che qui da me i cinema hanno deciso di non darlo. Quando si dice la furbizia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ormai io non mi stupisco più della distribuzione italiana.

      Elimina
  8. mi aspettavo ti piacesse di più. in fondo il personaggio di mcconaughey è quello di un cowboy non troppo distante dai tuoi adorati killer joe e mud e anche le atmosfere da provincia americana sono piuttosto simili.
    non un capolavoro, su questo sono d'accordo, ma comunque ad avercene di film così e rispetto ad altri candidati all'oscar non sfigura di certo, anzi...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Senza dubbio rispetto a robaccia come Capitan Findus è un superfilmone totale, ma al cospetto di Nebraska, 12 anni schiavo e soprattutto il Wolf viene pesantemente ridimensionato.
      Comunque un personaggio superfordiano, direi!

      Elimina
  9. McConaughey regna. Chi l'avrebbe mai detto? Dalle commedie romantiche a filmacci come questo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Buon per lui, e buon per noi che possiamo finalmente apprezzarlo!

      Elimina
  10. Quotazzo totale per la tua rece, non avrei saputo scrivere meglio :)

    RispondiElimina
  11. Versiamo un altro White Russian su questo bellissimo film, offro io! :)
    Baingiu

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bello è bello, ma pensa al Lupo! ;)

      Elimina
  12. pensavo questo film, dal trailer, potesse intrippare molto di più un tipo come te...
    beh, mi riservo di vederlo nel fine settimana per poterti dire la mia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In realtà mi è piaciuto, semplicemente non è il filmone che pare dalla promozione. Bravissimi, però, i due protagonisti.
      Attendo la tua recensione, allora!

      Elimina
  13. Effettivamente qualche richiamo a Milk e simili c'è... un bel film con ottimi attori ma qualche ma c'è sempre.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dici bene: comunque un prodotto estremamente godibile e recitato benissimo.

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...