lunedì 17 febbraio 2014

A proposito di Davis

Regia: Joel ed Ethan Coen
Origine: USA
Anno: 2013
Durata: 104'





La trama (con parole mie): Llewyn Davis è un giovane cantante folk senza dissa dimora che si muove quasi perduto nell'inverno del Greenwich Village newyorkese dei primi anni sessanta, intento a costruirsi una carriera da solista a seguito della tragica scomparsa del suo vecchio partner di palcoscenico. Passando di casa in casa e di divano in divano, Davis sogna una grande occasione per salire sul treno giusto barcamenandosi come può tra un gatto smarrito ed i sensi di colpa per le reazioni provocate nelle persone che, almeno in apparenza, potrebbero essere quelle a lui più vicine.
Quando, per colpa o per destino, finisce per non avere più una speranza che lo spinga, Llewyn decide di tornare al lavoro nella marina mercantile, impiego già sperimentato sulla propria pelle ai tempi in cui cercò di seguire le orme di suo padre: ma anche in questo caso le cose non andranno come previsto, e Davis si ritroverà in men che non si dica all'ennesimo punto di (ri)partenza.








Mi ha fatto proprio venire voglia di suonare, la visione di A proposito di Davis.
Forse perchè, come il buon Llewyn, protagonista di quello che è, di fatto, il meno coeniano tra i film dei Coen, ben so che finirò sempre per essere quello nel vicolo del locale, piuttosto che la futura superstar giunta quasi in sordina a calcare il palco per chiudere una serata che i presenti potrebbero ricordare come mitica, e non soltanto memorabile.
Poco importa, poi, che sia per via di una donna, di botte prese o date, di una sbronza o di un gatto smarrito la cui Odissea pare inseguire la sua stessa coda.
Perchè Llewyn Davis è uno di quegli stronzi - in senso buono e non - dei quali mi sento orgogliosamente parte e che difficilmente si troveranno, per colpa o destino, a vivere la grande occasione che hanno sognato, accarezzato, sfiorato, tenuto ben lontana per alimentare la loro fama di maledetti o duri e puri oppure sentito sfuggire tra le mani come il Tempo che, inesorabilmente, scorre e chiede un tributo al portafogli come al cuore.
Llewyn Davis è uno che, seppur a suo modo - e per non essere di parte dichiaro di essermi trovato, spesso, a non condividerlo -, tiene i cavalli e si dibatte.
Un Ulisse del folk che affronta ciclopi - John Goodman, di nuovo nel ruolo di un Polifemo come fu per Fratello dove sei? -, sirene - Carey Mulligan, che continuo a non comprendere come possa ammaliare qualcuno, con quella sua espressione da perenne morta in piedi ed insoddisfatta, resa ancora meno sopportabile da un personaggio di rara ipocrisia -, bufere e sfide agli dei - il padre, il rappresentante del sindacato della marina mercantile, il marito della cantante che finisce per insultare - conscio del suo destino di viaggiatore eterno, uno da "au revoir" più che da "so long".
Uno che passa, ma che pare proprio non avere intenzione di andarsene - un pò come le canzoni folk -.
Proprio come la pellicola che ne racconta una settimana di sopravvivenza, pronta a mordersi la suddetta coda e con sorniona agilità felina a rapire pigramente, quasi con svogliatezza, lo spettatore mettendolo di fronte ad una delle più amare verità dell'arte e della vita: i cambiamenti epocali, la ribalta destinata a rivoluzionare la vita non soltanto di chi la sperimenta sulla pelle, ma il mondo, sono riservati ad un esiguo numero di avventurieri e navigatori selezionati, possessori non si sa come e non si sa perchè, per merito o per un fato "benedetto", proprio come Davis nella sua inesorabile sconfitta, del biglietto vincente.
Per un Bob Dylan che entra sullo sfondo, neppure fosse un protagonista, in un club fumoso del Greenwich Village e si prepara a cambiare le regole della Musica, chissà quanti Llewyn - senza contare il suo più sfortunato ex partner di scena - sono dovuti passare a preparare il terreno, prima di uscire, come già scritto, per tenere i cavalli.
Restano pochi rifugi, per tutti questi viaggiatori stanchi.
Un divano, un felino tra le braccia, un rapporto di coppia che possa salvare dal silenzio che resterà quando saranno finiti gli applausi.
E una chitarra.
Mi ha fatto proprio venire voglia di suonare, la visione di A proposito di Davis.
E anche di continuare a viaggiare.
Perchè sarò pure uno stronzo, ma non mollo di certo.
Come ogni Ulisse che si rispetti.
Per tornare a casa. Anche quando casa è dove e con chi scelgo di stare in quel momento.



MrFord



"Oh ev'ry girl that ever I've touched
I did not do it harmfully
and ev'ry girl that even I've hurt
I did not do it knowin'ly
but to remain as friends we need the time
and make demands and stay behind
and since my feet are now fast
and point away from the past
I'll bid farewell and be down the line."
Bob Dylan - "Farewell" - 



28 commenti:

  1. Bello. Il film ed il tuo post.
    Siamo tutti randagi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Puoi dirlo forte, Ester.
      E muchas gracias.

      Elimina
  2. Sai che questo film non è proprio riuscito ad emozionarmi? Boh... probabilmente sono io che non l'ho capito, e certamente la mia scarsa competenza musicale non mi ha aiutato, ma l'ho trovato cerebrale, intellettualistico e pretenzioso. Fermo restando comunque le ottime performances degli attori. Proverò a rivederlo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sicuramente è il più autoriale e cerebrale dei film dei Coen - insieme a A serious man, che avevo adorato -, e senza dubbio ognuno filtra attraverso la propria sensibilità ed esperienza quello che vede.
      Ci sta che non ti abbia preso.
      Io l'ho trovato davvero intenso: una parabola sui losers - che poi, vuol dire quasi tutti noi - che non arriveranno mai sotto i riflettori. Bello.

      Elimina
  3. credo che lo patirò ma una visione non gliela nego di certo, fino ad ora li ho visti tutti dei Coen...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dipende un pò da come lo si approccia, secondo me.
      Mi farai sapere!

      Elimina
  4. Io i Coen, quando indulgono in serieta' e tematiche pessimist-esistenziali,non li reggo proprio.

    Mi dovranno convincere a forza,a vederlo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Putroppo non si può sempre finire a tarallucci e vino! ;)
      Comunque, a me tendenzialmente i Coen piacciono quasi sempre!

      Elimina
  5. tralasciando le tue ridicole affermazioni su carey mulligan, che tra l'altro è la cosa migliore del film, spero proprio non ti metterai a suonare. già la musica italiana fa schifo, vorrai mica metterti pure tu? ahahah

    e comunque i coen con 'sta storia di ulisse hanno un pochetto stufato, forse è ora che trovino nuove fonti da scopiazzar... volevo dire cui ispirarsi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tranquillo, se suono suono a casa o con gli amici, niente di cui la musica dovrà preoccuparsi! ;)
      Per il resto, solo ad un pusillanime del tuo calibro può piacere una gatta morta come la Mulligan, che in questo film è anche più irritante del solito! ;)

      Elimina
    2. Mi tocca dar ragione al Cannibale: Carey Mulligan è adorabile con quell'espressione da cerbiatta che però, sotto sotto.... ;)

      Elimina
    3. Ma come, Gae!? Un tipo pane e salame come te ipnotizzato dalla Mulligan!? ;)

      Elimina
  6. sono uscita dal cinema con un punto interrogativo stampato in faccia...
    non che non mi sia piaciuto...
    forse non sono abbastanza intelligente da capirlo...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Forse semplicemente non era una visione nelle tue corde.
      A volte capita. Un pò come con le canzoni!

      Elimina
  7. Non mi aveva entusiasmato particolarmente.
    Troppo poco coeniano.
    In compenso siamo d'accordo su Carey Mulligan, che per me potrebbe dare la mano a Michelle Williams e andare allegramente a...
    ...puli puli puli pu fa il tacchino, qua qua qua qua l'ochetta...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sulla Mulligan e la Williams non c'è niente da dire. Se non mandarle dove ben sappiamo.

      Per quanto riguarda il film, invece, io sono rimasto parecchio coinvolto.

      Elimina
  8. Il film devo ancora vederlo; la colonna sonora l'ho ascoltata e riascoltata e l'adoro! Si vedrà con il film... ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per chi ama il genere la colonna sonora è una chicca.
      Il film, invece, ha diviso: vedremo che effetto farà a te!

      Elimina
  9. Bellissima analisi e bellissime parole!
    E bellissimo anche il film e, sì, pure Carey :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Muchas gracias!
      Concordo in toto, tranne che sulla Mulligan, ovviamente! ;)

      Elimina
  10. Purtroppo non posso essere sulla tua stessa linea. Anche io ne ho parlato oggi e posso dire che, se da un punto di vista tecnico questo film è magnifico, da un altro non arriva da nessuna parte...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Come scrivevo da te, per me ha avuto senso, eccome! :)

      Elimina
  11. Mmmmh non avevo molta voglia di vederlo prima e non ne ho adesso...sarà per la mia scarsa competenza musicale ma proprio non mi frega nulla di vederlo.
    E so che è sbagliato dato che un film dei Coen andrebbe guardato a prescindere.
    Poi vabbe ora che me lo hai passato una di queste sere lo guardo sicuro
    ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi farai sapere come ti è sembrato, allora! :)
      E tranquillo: i Coen mi sembrano tipi che perdonano!

      Elimina
  12. Daccordo con te e come ho scritto anch'io, un film da vedere con una colonna sonora davvero meravigliosa! *_*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ottima colonna sonora, da veri amanti del folk.
      E ottimo film.

      Elimina
  13. Mi attira per come ne hai parlato e perchè c'è Oscar Isaacs,ci proverò anche se so che non sarà molto il mio tipo di film ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In effetti, non mi pare sia il tuo genere. Ma un tentativo lo puoi fare.

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...