lunedì 10 settembre 2012

Brave - Ribelle

Regia: Mark Andrews, Brenda Chapman, Steve Purcell
Origine: USA
Anno: 2012
Durata: 100'
 



La trama (con parole mie): a capo di un grande territorio del Nord basato sull'alleanza di quattro grandi clan regna Fergus, celebre per aver perso una gamba lottando contro un ferocissimo orso leggendario che dal giorno dell'incredibile scontro nessuno è più riuscito a scovare.
Pace e prosperità rendono possibile una vita in armonia con la Natura da parte di ogni abitante del reame, e la famiglia del sovrano vive una quotidianità turbolenta ma felice.
Quando Merida, primogenita di Fergus, però, per ribellarsi alla madre Elinor che la vorrebbe una perfetta principessa gareggia trionfando nella gara che dovrebbe determinare il suo futuro marito, l'equilibrio si spezza: in famiglia scoppiano le liti ed i capi dei clan i cui figli sono stati umiliati dalla ragazza meditano di muovere guerra.
Per risolvere la situazione la stessa Merida, fuggita nei boschi, trova un inaspettato "aiuto" in una strega che le promette un incantesimo in grado di cambiare il suo destino: peccato che gli effetti collaterali dello stesso finiranno per essere inattesi ed addirittura più minacciosi di un potenziale conflitto.





Nel momento stesso in cui hanno cominciato a scorrere i titoli di coda del consueto corto che precede ogni nuovo lavoro della Pixar ho tirato un sospiro di sollievo: la casa di produzione responsabile di alcuni tra i più straordinari film d'animazione della Storia del Cinema recente - e non solo - era sulla via del ritorno sulla retta via.
Quando, infatti, lo scorso anno corsi in sala per gustarmi Cars 2 - sequel di uno dei titoli forse meno amati dalla critica degli Studios satellite (?) della Disney cui di contro sono più affezionato - rimasi deluso non tanto rispetto all'aspetto tecnico - sempre impareggiabile -, quanto dal gusto dell'intera operazione, che mi era parsa una vuota soluzione commerciale operata in modo da intascare il più possibile sfruttando un franchise che lo permetteva praticamente in ogni campo - dai biglietti d'ingresso ai giocattoli, dai videogames ai pupazzi -.
Fortunatamente, già con La luna - il corto rispetto ai titoli di coda del quale ho accennato poco sopra - l'approccio e le atmosfere sono tornate ad essere quelle della Pixar che ho amato negli ultimi quasi vent'anni, complici un soggetto semplice eppure magico che è riuscito addirittura a riportarmi con la mente alla poesia di Melies, alla faccia di quella mezza sòla di Hugo Cabret.
Con i migliori auspici aveva dunque inizio Brave, titolo attesissimo dal sottoscritto per ambientazione, cornice, tecnica - i capelli, e non parlo solo della criniera rosso fuoco della protagonista, paiono perfino più veri del vero - e Merida: la principessa in lotta per la sua indipendenza in piena crisi adolescenziale ed in aperto conflitto con la madre prometteva di essere uno dei charachters più interessanti che la Pixar avesse mai sfornato, di quelli in grado di entrare subito nel cuore degli spettatori, a prescindere dalla loro età.
Ed ecco che gli auspici di cui sopra finiscono per essere rispettati come meglio non si poteva sperare: certamente lo script e l'evoluzione della trama non sono lontani da quelli che fecero la fortuna di titoli come Il libro della giungla, La sirenetta ed il più recente Alla ricerca di Nemo, tutto ha il sapore del Classico, non ci sono sconvolgimenti o invenzioni di rottura, eppure l'ironia e la partecipazione emotiva grazie ai quali è descritto non solo uno dei periodi più turbolenti delle nostre esistenze - l'adolescenza -, ma anche il rapporto tra madre e figlia con il succedersi delle stesse in ruoli ben più vicini di quanto all'apparenza non possa sembrare coinvolgono e scuotono quasi ci si trovasse a cavalcare accanto a Merida, o si accusasse il colpo al cuore del distacco nel momento in cui l'arazzo viene tagliato da una lama che, più della stoffa, tenta di recidere un legame destinato ad essere sempre parte di chi lo vive sulla pelle in barba ad incomprensioni e Tempo che scorre.
Brave è un film di formazione, ma anche una fiaba divertente e leggera che diviene ritratto delle differenze tra i sessi - agli uomini, dai tre gemellini fratelli minori di Merida ai capi dei clan, viene affidata la parte più caotica, rovinosa, comica e pane e salame mentre all'altra metà del cielo è affidato il compito di amministrare, comprendere, tenere a bada le intemperanze dei bambini troppo cresciuti con i quali condividono la vita, dai giochi d'infanzia alle incombenze da regnanti e genitori e soprattutto costruire rapporti la cui profondità sfugge alla semplicità maschile, legata irrimediabilmente ai piaceri e alle sensazioni più pratiche ed immediate -, un'avventura diretta ed esplosiva come le chiassose popolazioni di cui narra le gesta, un omaggio a tutte le "principesse" che hanno smesso i lustrini e le apparenze ed hanno imparato ad essere Donne, figlie o madri che siano: splendidi, in questo senso, i momenti di confronto tra Merida ed Elinor nel post-incantesimo, con la reciproca scoperta a fare da sfondo, di fatto, alla presa di coscienza di poter sempre imparare - dagli altri come da se stessi - a prescindere dai ruoli, dalle età e dalle convenzioni sociali.
Un ottimo prodotto, dunque, che è un piacere pensare possano aver condiviso in sala madri e figlie di diverse età, e che è riuscito ad emozionare Julez e il sottoscritto, per la prima volta intenti a guardare un film che racconta la distanza - e l'emozione della vicinanza - tra genitori e figli dall'altra parte della barricata, immaginando non più di ribellarsi con Merida, ma di trasmettere la propria presenza senza far pesare troppo la volontà di proteggere nei panni di Elinor e Fergus.
E quando una pellicola riesce a parlare a più livelli, qui al Saloon diviene immediatamente un titolo che sarebbe un vero peccato perdere.
L'unica condizione, è che ci si tuffi a cuore aperto.
Del resto, questa è la meraviglia del Cinema.
Quella di essere figli, e genitori.
E soprattutto quella della vita.
 

MrFord


"I will ride, I will fly
chase the wind and touch the sky
I will fly
chase the wind and touch the sky
where dark woods hide secrets
and mountains are fierce and bold
deep waters hold reflections
of times lost long ago."
Julie Fowlis - "Touch the sky" -


39 commenti:

  1. Visto e amato. La Pixar non delude!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Assolutamente d'accordo, Ale. Un ottimo ritorno dopo il deludente Cars 2.

      Elimina
  2. Ford quando metti tre bicchieri ai film sono sempre contenta, con questo film che vedrò prestissimo anche io, è questione di poco anche io ho delle aspettative, e la tua recensione non fa che accrescerle W IL CINEMA FATTO BENE!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Arwen, il Cinema fatto bene è sempre un piacere, per gli occhi e il cuore.

      Elimina
    2. Al Cinema non si comanda, del resto! :)

      Elimina
  3. Stamattina ho scritto le mie quattro righe in croce senza aver letto la tua recensione: per una volta non siamo sulla stessa lunghezza d'onda. A me Brave ha un pochino deluso proprio perchè non è riuscito ad emozionarmi, la storia l'ho trovata un po' troppo "leggera" e raccontata già altre volte. Non brutto, perchè visivamente è di una raffinatezza unica ma mi aspettavo di meglio forse perchè ero ultracarico di aspettative...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bradipo, sicuramente la storia non è particolarmente nuova o originale, ma io ho trovato descritto magnificamente il rapporto tra Merida ed Elinor, così come ottimo il rapporto - pur ironico - tra uomini e donne.

      Elimina
  4. Concordo in pieno questa volta. Visto con la piccolina. Mi sono emozionata tantissimo. Ne scriverò nei prossimi giorni.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Newmoon, secondo me è un film perfetto per ogni madre. E anche per ogni figlia. Aspetto la tua recensione!

      Elimina
  5. quando ford mette 3 bicchieri, è ciofeca assicurata! ahahah :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questo perchè hai più pregiudizi per me che per la Pixar e James Cameron! Ahahahahahahahh! ;)

      Elimina
  6. Che sollievo questi tre bicchieri! Ho appena letto una recensione negativa, e sapere che il film può anche entusiasmare mi lascia ancora speranza, ho grandissime aspettative a riguardo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Joy, io l'ho trovato profondo e leggero, molto emozionante. Certo, lo script è molto disneyano, ma la descrizione del rapporto madri/figlie è magnifico.
      Aspetto di scoprire il tuo parere! :)

      Elimina
  7. A me il trailer non incuriosisce granché, e l'affidarsi al classicismo disneyano non mi mette gran voglia di vederlo - cosa che, ehi, farò comunque, perché la Pixar rimane la Pixar, però boh, potrebbero fare tante di quelle cose (che razza di capolavori sono riusciti a creare con una storia semplicissima come Toy Story e seguiti?), e invece mi sembra che si limitino a puntare sul sicuro per ottenere facili incassi...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. quoto... ma già so che pur partendo con i piedi di piombo finirò per adorarlo.

      Elimina
    2. Simone, secondo me, pur non essendo certo uno dei Capolavori della Pixar, questo Brave approfondisce - e molto bene - i temi già affrontati in Nemo legati al rapporto tra genitori e figli. Vedrai che ne varrà la pena.

      Frank, sono convinto che sarà così. Solo il Cannibale si lamenterà. Ma del resto, lui si lamenta praticamente di tutto! Ahahahahahahah! ;)

      Elimina
    3. il cannibale è peggio di una suocera :D

      Elimina
    4. Frank, il Cannibale è il non plus ultra delle suocere! :)

      Elimina
  8. Di tutte le recensioni che pubblichi, questo è uno dei pochi per il quale possa dire con certezza: lo vedrò! (vediamo se indovini perchè) :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Gae, per una famiglia come la tua secondo me ci sta da dio! E poi potrebbe essere più che utile per quell'altro discorso che abbiamo in sospeso, no!? ;)

      Elimina
    2. È diventato il nostro nuovo must... ai bimbi piace un sacco...

      Elimina
    3. Li capisco: piace un sacco anche a me! :)

      Elimina
  9. Non vedo l'ora di andare al cinema a vederlo! Spero domani sera!

    RispondiElimina
  10. Ah, finalmente è uscito, devo vederlo adoro i film Pixar.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vincent, ti capisco bene.
      E vedrai che non ti deluderà!

      Elimina
  11. E insomma da questa recensione mi pare di capire che mi toccherà vederlo (come se non avessi già deciso di farlo molto tempo fa).

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bert, vedrai che ti toccherà anche volergli un gran bene! ;)

      Elimina
  12. Inizialmente non mi aveva incuriosito, ma la tua rece appassionata e i 3 bicchieri mi hanno messo voglia di vederlo.
    In fondo è della pixar, non può far schifo.

    Oggi al lavoro dormivo in piedi....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Fratello, secondo me vale - e molto - la visione.
      La Pixar, in fondo, è sempre la Pixar.

      Io mi sono goduto il giorno di riposo, invece. Non ti invidio per il rientro.
      Comunque, è stato un gran bel weekend: vediamo di organizzare per rivederci al più presto, a prescindere dal 22! :)

      Elimina
  13. Bella recensione (as usual), noi dovremmo andarci domenica mattina (strascichi matrimoniali del sabato precedente permettendo). Ti farò sapere :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Firma, muchas gracias!
      Aspetto allora di sapere che impressione farà a te! :)

      Elimina
    2. Vero Ford...quando un film ti arriva e ti comunica a più livelli vuol dire che ha fatto centro. E neanche a farlo a posta oggi anch'io ho parlato di un GRANDE capolavoro nato in casa Pixar. ;-) Sono d'accordo con te, sulle aspettative deluse da Cars 2, un film che attendevamo con entusiasmo anche "qui". Però, caso strano, il mio piccolo vuole mettere sempre il 2...boh, valli a capire i piccoli cinefili. ^_^ Spero di vederlo prestissimo, poi ti dirò...

      Elimina
    3. Valentina, le dinamiche dei "piccoli cinefili" sorprendono sempre.
      Comunque Up resta un Capolavoro indiscusso, e anche se Brave non può essere considerato agli stessi livelli, resta l'ennesima grande prova di un vero calderone di grandi geni del Cinema.

      Elimina
  14. Su questo film ho letto commenti sempre positivi, a questo punto non posso non recuperarlo in qualche modo ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Pesa, la Pixar merita sempre una visione, a prescindere dalle recensioni! :)
      Recupera!

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...