mercoledì 8 febbraio 2012

Take shelter

Regia: Jeff Nichols
Origine: Usa
Anno: 2011
Durata: 120'



La trama (con parole mie): Curtis, operaio edile con un impiego solido, una vita onesta, una buona assicurazione sanitaria ed una famiglia in cui tutto pare funzionare, dall'amore per la moglie Samantha a quello per la figlia sordomuta Hannah, comincia ad avere problemi di relazione con il mondo esterno quando incubi apocalittici lo vedono affrontare una tempesta enorme.
L'uomo, allarmato da questi sogni e turbato dal ricordo della madre che fu schiacciata dalla schizofrenia comincia a costruire un rifugio che, ai suoi occhi, sarà la speranza per la sua famiglia quando arriverà il momento del cataclisma: attorno diffidenza, timore e preoccupazione per la sua condizione si propagano allontanandolo da tutto e tutti.
Solo Samantha e la piccola Hannah continuano a credere, non senza fatica, in lui: come finirà, dunque, il loro mondo fino a poco tempo prima perfetto?




Ci sono cascato, e con tutte le scarpe.
Jeff Nichols, neanche fosse il Maestro dell'illusione Welles o il suo erede odierno Christopher Nolan è entrato in casa Ford pensando bene di farmi credere che il Curtis interpretato da un gigantesco Michael Shannon fosse davvero pazzo, con i suoi sogni dal respiro apocalittico in bilico tra un Von Trier finalmente divenuto grande cineasta ed uno Shyamalan una volta per tutte tornato ad essere regista e quel procedere per attese e silenzi.
Ha pensato bene di farmi credere di essere di fronte ad un film sopravvalutato impreziosito da una tecnica decisamente notevole e due protagonisti in stato di grazia - perchè Jessica Chastain risponde per le rime al già citato Shannon, imponendo uno standard altissimo al suo partner sullo schermo - ma privo di quell'anima in grado di renderlo grande.
Ha pensato bene di costruire la tensione per qualcosa che potessi prima negare, dunque affrontare chiedendomi dove avrebbe portato, restare ammirato di fronte al coraggio di Samantha di viverlo sulla pelle accanto al marito, non chiedermi il perchè di una riconciliazione e dunque rimanere impietrito di fronte all'evidenza di una verità folgorante.
Perchè Take shelter non è un film sulla follia, come parrebbe presentarsi: o almeno non come noi vorremmo che fosse, osservando Curtis sprofondare nel terreno costruendo un rifugio che porti in salvo le due donne della sua vita da una tempesta che scuoterà il mondo mentre noi, dall'altra parte, arriviamo quasi a compatirlo, a pensare a quanto è dura quando è la mente ad ammalarsi, e non il corpo, perdendosi senza possibilità di tornare indietro anche quando si è presenti fisicamente.
Take shelter è un film sulla fede, ma non come noi ci aspetteremmo che fosse: è la storia di una donna che vede una vita apparentemente perfetta sgretolata da visioni in cui non sa se credere, il marito chiudersi al mondo e perdere progressivamente il lavoro, l'assicurazione sanitaria, gli amici, la faccia - magistrale la sequenza della cena di gruppo ed il confronto tra Curtis e Dewart -, la figlia navigare in un mondo di silenzio che i suoi coetanei, ancora troppo piccoli, non sono in grado di esplorare eppure, aggrappandosi a nient'altro che la sua famiglia, le persone che ama, si ritrova a fare da testimone ad un evento straordinario.
Ed è così che mi sono sentito, al termine della visione: sconvolto dal movimento delle mani della piccola Hannah, dipinto con tutta l'innocenza che quello stesso mondo di silenzio le garantisce; commosso dallo sguardo di Curtis, che apparentemente vinti i suoi incubi non può che chiedere conferma alla donna che l'ha sostenuto di quello che ha davanti agli occhi; liberato da quel quasi impercettibile assentire di Samantha, che pare togliere dalle spalle di Curtis tutto il peso di una follia che non c'è.
O forse sì, ma dall'altra parte: in un mondo in cui le regole stanno cambiando, ma che nessuno pare pronto a fronteggiare.
Un mondo che aggredisce senza guardare in faccia a nessuno.
Un mondo che spazza via tutte le certezze che abbiamo.
Ed è allora che non resta altro se non stringerci a chi amiamo e proteggere quello che nessuna tempesta è in grado di toglierci.
Mettersi al riparo, prima che piova troppa merda.
Gli ombrelli non servono più, e mi torna in mente la meravigliosa graphic novel di Will Eisner, Verso la tempesta, in cui i giovani americani in partenza per il fronte europeo della Seconda Guerra Mondiale andavano incontro ad una perturbazione che avrebbe cambiato il mondo.
Questa è una tempesta diversa, come lo sono i tempi.
Ma non è detto che faccia meno danni.
Ed è diverso anche questo film.
Perchè non parla di follia, ma di fede.
Non di isolamento, ma di unione.
E lo fa con una potenza che ha pochi pari nel panorama cinematografico attuale.
Mettetevi al riparo, gente.
Tenetevi stretti chi amate e guardate arrivare l'opera di Nichols.
Il vostro mondo, dopo, non sarà più lo stesso. 


MrFord


"Oh, a storm is threat'ning
my very life today
if I don't get some shelter
oh yeah, I'm gonna fade away."
The Rolling Stones - "Gimme shelter" -



39 commenti:

  1. Avevo capito che ti era piaciuto, ma non pensavo così. Benissimo ;) - Inutile dire che dopo aver letto ho rivisto il finale, per la trentesima volta ormai. Non riesco a smettere di farlo, e questa cosa significa forse che Nichols ha girato una delle chiusure più belle degli ultimi anni, e oltre.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Elio, quel finale è davvero una cosa da brividi. Incredibile.

      Elimina
  2. Come dissi dal Marco, ce lo ebbi in visione, quindi aspetto prima di leggere e poi ci sentiamo. Forse :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eddy, fatti sentire appena l'hai visto. Questo film merita una bella chiacchierata!

      Elimina
  3. a me è piaciuto e ha convinto fin dal primo istante, e non solo per il grandioso crescendo finale.

    a parte questo particolare, sono d'accordo con il tuo entusiasta giudizio e quindi, lettori di tutto il mondo guardatevi questo film che per una volta ha incredibilmente unito i pareri di ford e cannibal!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cannibale, effettivamente la nostra doppia recensione non può che essere uno stimolo per tutti i lettori della blogosfera: quando un film mette d'accordo anche i due nemici per antonomasia, TUTTI, e dico TUTTI, dovrebbero correre a vederlo.

      Elimina
  4. hai idea se uscirà in italia?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purtroppo, come diceva Cannibale ieri nel suo post, non c'è alcuna previsione per l'uscita italiana.
      Ma si sa che noi i bei film li facciamo uscire in due sale con anni di ritardo - qualcuno ha detto Enter the void!?!?!? -.

      Elimina
  5. Non conoscevo questo film, ma vista la tua recensione decisamente invitante lo andrò a recuperare al più presto. Sono proprio curiosa di vedere questo finale memorabile.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Joy, recuperalo al più presto.
      E' una delle visioni più interessanti di questo inizio 2012 davvero promettente.

      Elimina
  6. Risposte
    1. Luigi, è una visione necessaria di questo inizio anno!

      Elimina
  7. Wow!!! Ce l'ho nel pc, a breve devo assolutamente vederlo...

    RispondiElimina
  8. Ti invitiamo, se non ancora hai partecipato, al nostro Giveaway! Affrettati ci sono in premio i nostri prodotti gustosi!!

    http://agriturismocaversa.blogspot.com

    RispondiElimina
  9. Grande! Voto meritatissimo, sta proprio piacendo a tutti.
    Per me è probabilmente il miglior film del 2011 insieme a Drive, è tutto perfetto! ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ottimista, io lo considero già un film del 2012, ma sicuramente è una visione che non si dimentica.
      Potentissimo.

      Elimina
  10. anche da te leggo un parere positivo dopo il cucciolo eroico! mi sa che questo è un film imperdibile!! ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lorant, l'hai detto.
      Quando un film mette d'accordo me e il Cucciolo, non bisogna esitare! ;)

      Elimina
  11. film straordinario.
    sulla carta non gli davo una lira e mi attirava solo per la presenza di Shannon (nome che mi sono segnato dopo l'incredibile My son my son what have ye done? e l'ottima Boardwalk Empire) come protagonista. poi la rece di ottimista mi ha spinto alla visione, e ho scoperto questa bomba cinematografica.
    girato impeccabilmente, recitato sotto le righe ma con pathos, ma soprattutto con uno dei finali più belli degli ultimi anni di cinema. mi è rimasto il sorrisetto incredulo per mezzora, almeno :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Einzige, anche io ero dubbioso, e lo sono stato fino ad una buona metà. Poi, piano piano, è stato come un'epifania.
      Più o meno la stessa di Samantha.
      Finale leggendario.

      Elimina
  12. Accipicchiolinaaa!!! Che film!!!

    RispondiElimina
  13. Michael Shannon mi inquieta...niente male anche la parte del poliziotto in Boardwalk Empire, mette più angoscia dei boss malavitosi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Shannon è davvero un tipo strano. Ed è anche bravissimo.
      Se ti capita, questo film va recuperato al volo!

      Elimina
  14. Mooolto interessante!! Non vedo l'ora di vederlo... grazie per la segnalazione! ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. De nada! Recuperalo: è un film magnifico!

      Elimina
  15. Sai, da qualche mese sono papà. Questo è uno di quei film che ti fa piangere per la potenza emotiva che riesce a trasmettere.
    E quindi rinforza con sgraziata inquietudine l'unico vero valore che resta per sempre: la Famiglia.
    Grande film.
    Che finale bastardamente perfetto! Uno dei migliori degli ultimi tempi. Sono rimasto 10 minuti buoni fermo davanti allo schermo con la faccia da manga perplesso... ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eddy, sottoscrivo in pieno.
      La Famiglia è il rifugio entro il quale possiamo sempre pensare di chiudersi in caso di tempesta, e tutto il bene che ci muove a costruirne uno.
      E il finale, che bomba.
      Un filmone davvero.

      Elimina
  16. condivido i pareri entusiasti. La regia è molto interessante, riesce perfettamente a sbatterti in faccia tutta l'inquietudine del protagonista. Finale spiazzante.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Concordo in pieno: uno dei finali più spiazzanti e potenti della Storia del Cinema recente.

      Elimina
  17. Piaciutissimo, perfetto finale dopo una settimana di grazia cinematografica: Drive, Shame e ieri questo... Io francamente ho sospettato fin dall'inizio che lui avesse ragione... Davvero bello. Tutti dicono che il finale è fantastico e non posso che essere d'accordo eppure, nonostante mio marito mi dica che non è importante ciò che succede dopo, non riesco a smettere di chiedermelo :)

    RispondiElimina
  18. ps angoscioso da paura... uno di quei film in cui non ti resta che affidarti al regista perchè, non SAI, dove andrai a parare...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Drive e Take shelter sono davvero da settimana magica del Cinema, Shame, per me, molto meno: questo lavoro di Nichols, comunque, resta una delle visioni più importanti degli ultimi anni, per non parlare del finale.
      Io non mi sono chiesto nulla: era già potentissimo così.

      Elimina
  19. questo si che è un filmone, Shannon da oscar e finale assolutamente da brividi

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Filmone totale, e Mud non è da meno!

      Elimina
    2. mud mi manca aspetto che esca anche da noi, tanto dai uscirà, questo è uscito

      Elimina
    3. Sinceramente se i tempi sono gli stessi che per Take shelter, avrai da aspettare parecchio!
      Comunque ne parlerò domani!

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...